Come scegliere la giusta tonalità in un mare di opzioni

Molte tabelle di colori oggigiorno offrono una selezione virtualmente infinita di tonalità. Avere accesso a questa enorme varietà però significa anche che realizzare tutte le nostre visioni richiederebbe una stanza aggiuntiva o addirittura un intero appartamento. Per scegliere una nuova tonalità raramente si parte da una tabula rasa, senza alcuna idea. Di solito la più grande sfida è trovarsi di fronte a tante direzioni diverse e non sapere da dove cominciare.

23 Main image

Il migliore punto di partenza è una tabella di colori. Come primo passo, scegli le categorie di colore che ti piacciono visivamente e stanno bene nell’ambiente, ad esempio tonalità neutre o pastello, un blu che si abbini ai mobili della cucina, o magari una tonalità sul verde, giallo o viola. A questo scopo abbiamo creato la tabella di colori HGMIX INTERIOR COLLECTION, una collezione di tonalità progettata per un facile scorrimento tra le diverse categorie di colori. Consigliamo di cominciare con un limite di tre categorie, dopodiché si può dare inizio al processo della giusta scelta!

Per prima cosa, scegli la luminosità e l’intensità della tonalità. Questa scelta dovrebbe basarsi sulla luminosità della tua stanza. Per ambienti luminosi con molta luce solare si possono scegliere colori più scuri e intensi. Possono andare bene anche dei toni sul grigio o vagamente “sporchi”, in quanto il colore risulterà più pulito grazie alla quantità di luce presente. Per ambienti molto ampi o illuminati in modo irregolare, si può creare un effetto interessante scegliendo una tonalità più intense per le aree più ampie e luminose, mentre su quelle più piccole e scure si può applicare una tonalità più tenue e chiara dello stesso colore. Adattare il contrasto in base alle proprie preferenze. Scegliendo due tonalità molto simili può creare un morbido contrasto e una dolce transizione nello spazio; oppure si può regalare maggiore varietà all’ambiente creando un contrasto deciso.

 

23 N05 623 N04 1

Il prossimo passo è la scelta della tonalità. I colori sono tipicamente divisi in caldi e freddi; nonostante possa risultare semplice all’inizio, non è sempre facile fare questa distinzione! Per esempio, il verde può assumere sia un look caldo che molto freddo, dipende dal sottotono. Spesso però il sottotono si nota solo comparando tonalità molto simili tra di loro. Quando un colore contiene toni blu o grigi, si dice che abbia un sottotono freddo. Di norma, questi colori vengono scelti dove c’è molto legno scuro, pavimento in calcestruzzo, marmo, o c’è molta luce naturale nell’ambiente che si vuole smorzare con delle tonalità più fredde. I colori con sottotono caldo di solito sono il giallo, l’arancione e il rosa e creano una sensazione di dolcezza e confort. Di norma, questi colori vengono scelti dove c’è molto legno chiaro oppure grandi mobili chiari; queste tonalità sono adatte sia ad ambienti chiari che scuri.

 

23 G21 623 G13 7

Quando si sceglie una tonalità bianca bisogna prestare particolare attenzione al sottotono. Di solito tendiamo a prestare meno attenzione quando scegliamo tonalità bianche, ma una tonalità sapientemente selezionata può cambiare completamente l’aspetto di un ambiente. Un bianco neutro oppure un bianco molto forte senza sottotoni viene spesso usato per ottenere un look d’impatto, ad esempio abbinato al nero. D’altro canto i mobili di colore bianco possono apparire un po’ grigiastri accanto a delle pareti di un bianco molto forte. Bisogna anche tenere a mente che scegliendo una tonalità bianca bisogna prestare ancora più attenzione al colore delle prese, degli interruttori e dei serramenti, dato che il bianco enfatizza tutti i sottotoni grigiastri o giallastri.

 

23 W11 223 W09 4

Quando si sceglie una tonalità bisogna tenere conto di tutti gli spazi che compongono la casa. I corridoi in tonalità tenui danno l’impressione di essere più larghi, un aspetto non da poco soprattutto quando si tratta di appartamenti di piccole dimensioni. Consigliamo di focalizzare la scelta su un numero ridotto di colori e ripetere il loro uso nei vari spazi.

 

23 G05 5 W04 223 O05 3 W05 3

La selezione della tonalità con l’aiuta delle tabella dei colori viene seguita da un test. Bisogna considerare infatti che la vernice può avere un impatto completamente diverso su un’area ampia rispetto alla tabella. Su una superficie più ampia il risultato finale tende a essere più pronunciato e l’aspetto della vernice dipende anche dall’illuminazione e dalla quantità di luce nell’ambiente. Prima di cominciare con il rinnovo, consigliamo di ordinare una piccola quantità di vernice con il grado di lucentezza desiderato.

Applicare la vernice su una piccola parte della parete e osservare l’effetto durante il giorno in base ai cambiamenti della luce. È necessario seguire le indicazioni riguardo al numero di passate e attendere che la vernice si asciughi completamente tra una mano e l’altra. Se si sceglie tra un grande numero di tonalità o tra colori forti che sono più difficili da coprire, consigliamo di non applicare la vernice direttamente sulla parete, ma su un foglio bianco o una base simile che possa essere facilmente portata in giro per la stanza. È consigliabile prendersi abbastanza tempo a disposizione fino a quando lo spazio non avrà esattamente l’aspetto desiderato.